07 luglio 2011

Sette obiettivi per una cena

haiti1Cosa permette il cambiamento della persona a qualsiasi latitudine e in qualsiasi condizione si trovi? Da questa domanda prende le mosse la Cena di Santa Lucia 2011, a partire dal tema: Alla radice dello sviluppo: il fattore umano.

“Perché un intervento di cooperazione allo sviluppo sia efficace occorre aiutarsi a riscoprire in sé quel desiderio di costruire e di migliorare la propria condizione, ed educare quelle potenzialità e capacità che rendono ciascuno attore del processo di sviluppo … solo un rapporto tra persone, mosso da ideali che rispettino ogni dimensione umana, che sfidino la responsabilità di chi incontrano (rischio sull’impegno) e che accompagnino (nel tempo) secondo un cammino educativo, può aiutare la crescita di soggetti protagonisti e responsabili”Giorgio Vittadini (Prefazione a “Alla radice dello sviluppo: l’importanza del fattore umano. G.Berloffa, G.Folloni. I.Schnyder v.W. – Guerini e Associati, Milano 2010)

I progetti che quest’anno sosterremo con la Cena di Santa Lucia sono:

  • KENYA, Anche nella carestia del Corno d’Africa l’emergenza è l’educazione
  • EGITTO, Sostegno alle scuole del Patriarcato e formazione degli insegnanti
  • HAITI, Un centro educativo per bambini e ragazzi
  • RD. CONGO, Tutti a scuola con il Sostegno a Distanza
  • ETIOPIA, Sostegno alla scuola professionale e all’ospedale che verranno realizzati da suor Laura Girotto
  • ETIOPIA, Università cattolica “San Tommaso d’Aquino” (Ecusta)
  • PADOVA, Cucine economiche popolari della Diocesi

 

1. KENYA, Anche nella carestia del Corno d’Africa l’emergenza è l’educazione

In Africa Orientale 11 milioni di persone stanno soffrendo la più grave carestia degli ultimi 20 anni. Sollecitata dal Santo Padre a prendere posizione sull’emergenza carestia, Avsi ha formulato un progetto che prevede la costruzione di scuole e centri educativi semi permanenti e attività di formazione ai maestri che insegnano ai bambini.

2. EGITTO, Sostegno alle scuole del Patriarcato e formazione degli insegnanti

Il progetto nasce da una richiesta del Patriarca d’Alessandria Card. Antonios Naguib per sostenere le scuole cattoliche. L’intervento di Avsi rivolto a bambini ed adolescenti ma anche ai genitori e agli insegnanti. Una delle attività principali è la formazione a sostegno degli insegnanti.

3. HAITI, Un centro educativo per bambini e ragazzi

Dopo che con la campagna Tende Avsi dello scorso anno è stato costruito un centro educativo nel quartiere di Cité Soleil, quest’anno si vorrebbe sostenere la creazione di un secondo centro educativo a Martissant, la seconda zona di riferimento di Avsi nella capitale. Si punta a ristrutturare un edificio con un ampio terreno, praticamente l’unica zona verde dell’area, per farlo diventare un centro di riferimento per il quartiere.

4. RD. CONGO, Tutti a scuola con il Sostegno a Distanza

Queste terre sono state per anni teatro di guerre, alleanze e separazioni di gruppi armati e purtroppo ancora oggi la situazione è instabile. Per i bambini che non frequentano la scuola è facile finire a lavorare nelle miniere o entrare a far parte di gruppi ribelli o milizie. Con il sostegno a distanza Avsi i bambini ricevono sostegno per la frequenza scolastica, materiale didattico, attività di dopo-scuola, corsi professionali, cure mediche in caso di bisogno, attività ricreative e visite familiari.

5. ETIOPIA sostegno alla scuola professionale e all’ospedale che verranno realizzati da suor Laura Girotto

La missione salesiana Kidane Merhet di Adwa attualmente comprende varie scuole dalle materne alle superiori, comprese una scuola professionale e una scuola tecnica, e poi un centro per la promozione della donna, un oratorio e un progetto di assistenza sociale alle famiglie. Ora si lavora per un ospedale che possa diventare un punto di riferimento ancor più importante per la popolazione locale.

6. ETIOPIA Università cattolica “San Tommaso d’Aquino” (Ecusta)

Su richiesta della popolazione e del Governo, la Chiesa cattolica sta avviando un’università cattolica ad Addis Abeba, in collaborazione con le autorità regionali, con l’intento che divenga un’università nazionale. Il progetto, in via di realizzazione con l’aiuto con l’aiuto della Cei, mira a formare la nuova classe dirigente del paese. Perché l’Africa ha bisogno di uomini, e per fare gli uomini occorre educare.

7. PADOVA Cucine Economiche Popolari della diocesi

Le Cucine Economiche Popolari sono un’opera della chiesa cattolica di Padova che accoglie e serve persone senza fissa dimora provenienti da ogni parte del mondo (italiani naturalmente compresi), in difficoltà o provenienti da varie esperienze di disagio. Le Cucine erogano vari servizi: mensa, docce, lavanderia, distribuzione vestiario, ambulatorio medico, sale soggiorno, centro di ascolto, informazioni, orientamento, compagnia, sostegno, accompagnamento familiare e sociale. La maggior parte di questi servizi è completamente gratuita.