27 settembre 2018

Papa Francesco e le organizzazioni cattoliche che lavorano attivamente in Siria

Riportiamo di seguito la lettera ricevuta dal Segretario generale della Fondazione Avsi Giampaolo Silvestri.

Carissime, carissimi,

Il 14 settembre scorso Papa Francesco ha incontrato in Vaticano tutti i soggetti, organizzazioni e istituzioni cattoliche che lavorano attivamente in Siria e in Iraq per sostenere la popolazione colpita da una delle più gravi crisi umanitarie della storia recente.

In quell’occasione ha citato l’importanza degli interventi in Iraq di sostegno al ritorno dei profughi e il progetto Ospedali Aperti in Siria.
Qui potete leggere il suo discorso integrale

Sappiamo che Papa Francesco sostiene questo progetto, ma la sua citazione e il suo apprezzamento sono stati per noi non solo motivo di una certa fierezza, ma un spinta a lavorare con ancor più determinazione per i siriani. Ad oggi il progetto ha permesso di curarne 10882, e non ci fermiamo.

Vi scrivo da New York dove si sta tenendo l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Proprio nella sede dell’Onu abbiamo promosso con l’ong No Peace Without Justice e con il Ministero degli Esteri e della cooperazione internazionale un evento sul Women Empowerment, tema in primo piano nell’Agenda 2030, a partire dall’esperienza maturata in tanti progetti sul terreno di cui stiamo misurando l’impatto e il successo. Potete rivedere qui l’evento. Potete leggere il mio intervento qui e quello di Felicity Acan, di AVSI Uganda qui, il video di Teddy Bongomin del Meeting Point International qui.

Un cordiale saluto e grazie per l’attenzione

Image