03 dicembre 2018

Gli auguri natalizi di S.E. card. Zenari nunzio in Siria

Abbiamo ricevuto attraverso il segretario di AVSI gli auguri natalizi del Nunzio in Siria:

Carissima, carissimo,

 

mi rivolgo a te, che da anni supporti AVSI con un aiuto costante che ci permette di continuare a tenere vivi i nostri progetti, per condividere la lettera di auguri natalizi del card. Mario Zenari, Nunzio Apostolico a Damasco, che ci scrive dalla Siria.

Riporto qui sotto alcuni passaggi della lettera di cui puoi leggere la versione integrale cliccando qui

 

Carissimi

Buon Natale dalla martoriata Siria, dove sono Nunzio Apostolico da 10 anni.
Il Natale del Signore è anche il natale dell’umanità, perché il Bambino Gesù, nascendo nella povertà delle grotta di Betlemme, si è unito in modo misterioso con ogni persona: “Avevo fame e mi avete dato da mangiare, ero malato e siete venuti a visitarmi…” (Mt 25, 31-46)
Il lungo ed atroce conflitto siriano, oltre ad aver seminato distruzione e morte, ha ridotto il 70% della popolazione in condizioni di estrema povertà. Il 54% degli ospedali pubblici e dei centri sanitari, infatti, sono o chiusi o solo parzialmente aperti, a causa dei danni di guerra. Di conseguenza, sono più numerose le persone che muoiono per mancanza di cure mediche, di quelle perite sotto le bombe. Incoraggiata da Papa Francesco, la Nunziatura Apostolica in Siria ha dato vita, da un anno a questa parte, al progetto “Ospedali Aperti”, con lo scopo di offrire, nei 3 Ospedali cattolici presenti nel Paese, cure mediche gratuite ai malati poveri, di qualsiasi appartenenza etnico-religiosa, e privi di assistenza sanitaria. Tutto questo comporta naturalmente dei costi assai elevati. Il progetto, con l’assistenza tecnico-operativa della ONG cattolica AVSI, procede in modo assai soddisfacente. Ogni settimana vengono assistiti gratuitamente circa 400 malati poveri”.

 

AVSI non demorde, nonostante le difficoltà: ad oggi ha già assicurato oltre 14.000 prestazioni sanitarie gratuite. Ma non è facile trovare i fondi necessari a continuare.
Perciò noi contiamo sul concorso di tanti sostenitori e abbiamo lanciato uno speciale appello in questo tempo natalizio. Si chiama #50xlaSIRIA: tante piccole donazioni, come regali di Natale, anche di 50 euro, che corrispondono a una prestazione sanitaria di base, possono portare a dei risultati eccezionali. Noi ci contiamo.
Scopri di più cliccando qui.

 

La nostra proposta è semplice, concreta e potente: è come se accompagnassimo in ospedale a curarsi un siriano povero. La donazione di 50 euro può segnare l’inizio di una nuova vita per chi ha conosciuto e conosce ancora la guerra.
Puoi sostenere la campagna cliccando qui.

 

Mentre ti ringrazio per l’attenzione, con gratitudine per il sostegno continuo, ti porgo il mio più caloroso augurio di buon Natale

 

Un saluto
Giampaolo Silvestri

Image