23 gennaio 2017

20mila euro per dare subito una mano in Siria

02-siria-6

Sono passati solo pochi giorni dalla Cena ma i primi fondi sono già stati destinati. Nei primi giorni successivi alla Cena abbiamo ricevuto una richiesta del direttore generale di AVSI, Giampaolo Silvestri: “…per quanto riguarda il progetto degli ospedali in Siria che abbiamo presentato, d’accordo con la Santa Sede, stiamo cercando di fare un primo invio fondi entro dicembre, per cercare di alleviare la situazione delle persone di Damasco e  Aleppo e regalare un Natale dignitoso e un segno di speranza”.

Accogliendo la richiesta di AVSI abbiamo già elargito 20mila euro a favore del progetto “Siria ospedali aperti”. Come ci racconta AVSI “la Siria che conoscevamo sta scomparendo, un popolo intero sta morendo. Sono oltre 13 milioni i siriani in stato di bisogno. E quasi 11.5 milioni, di cui il 40% bambini, non ricevono cure mediche. Ad Aleppo le persone che non hanno accesso agli ospedali sono più di 2 milioni, a Damasco oltre 1 milione. Con la campagna Tende #RifugiatiMigranti, con Cor Unum e Fondazione Policlinico Universitario Gemelli, vogliamo potenziare alcuni ospedali privati non profit a Damasco e Aleppo per garantire le cure alle vittime della guerra”.